La Puccia della vigilia.

2015-12-08
  • Porzioni : 10
  • Tempo di Prep : 10m
  • Tempo di cottura : 35m
  • Pronto in : 7m

image

E’ il giorno della puccia!
“Àprite, ulìa, e scundi Maria” (Apriti, ulivo, e nascondi Maria)

E’ una tradizione antica ,la “puccia cu’ ‘lle ulie” che io ho scoperto le prima volta che sono arrivata in  salento.

Essendo di origini laziali non conoscevo ancora le meraviglie della cucina salentina .

Mi appassiona tutto ciò che riguarda il cibo il territorio e la sua storia .Cosi prova e riprova ho trovato la mia ricetta personalizzata .ed ecco la puccia .

La “puccia cu’ ‘lle ulie”, come viene chiamata in dialetto salentino

Le pucce salentine sono ancora il cibo tradizionalmente consumato 7 dicembre  la vigilia dell’Immacolata. perchè non  si mangia carne.

In questa  giornata è tradizione digiunare o al più mangiare  una puccia velocemente per poi poter partecipare alle funzioni religiose.

Il digiuno della vigilia dell’Immacolata !!!
In tutti i paesi della provincia di Lecce, la vigilia dell’Immacolata si fa il digiuno … un digiuno sui generis perchè a tavola, secondo consuetudine, si consumano le pucce, una sorta di pane bianco con le olive, guarnite di tonno e capperi, oltre alle prime pittule, che, di solito, si preparano durante le feste natalizie.
La sera, però, il pasto è completo: vermicelli col baccalà o zuppa di pesce, rape “nfucate”, pigne, finocchi, arance e mandarini. Tale digiuno, che non risultava prescritto dalla Chiesa, ha pure la sua origine storica.
Nel secolo scorso, la Puglia era una delle provincie del Regno di Napoli, governata dai Re di casa Borbone. Si racconta che in un anno imprecosato la Regina di Napoli, sul punto di dare alla luce un bambino, accusava dei dolori fortissimi, stava molto male, ed allora pensò di rivolgersi alla Madonna implorando la grazia di farle superare senza danni quel difficile momento. Ella con fervore promise alla Vergine Santa che avrebbe fatto fare digiuno a tutti i suoi sudditi se la grazia richiesta fosse stata esaudita. Secondo il racconto, le cose andarono bene e così il Re (pare sia stato Ferdinando I° di Borbone) ordinò il digiuno a tutti gli abitanti del Regno. Era proprio la vigilia dell’Immacolata! Da quel giorno, nei paesi delle antiche provincie napoletane, e quindi anche in terra salentina, si rinnova la tradizione del digiuno, fatto però secondo la vecchia costumanza!

image

La Puccia della vigilia.

Ingredienti

  • 300 gr di farina00
  • 350gr di farina di semola rimacinata
  • 5 gr di lievito di birra
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 cucchiaio da tavola di sale fino
  • 350 gr di olive mature oppure olive celline
  • 4 cucchiai di olio di oliva
  • 400 ml di acqua
  • 300 gr di patate bollite già pulite

Preparazione

Passaggio 1

Per prima cosa preparate il lievitino.

Passaggio 2

Prendete una ciotola capiente oppure nella planetaria, versate la farina 100 gr di farina 00 e 50 di quella di semola di grano duro sciogliete i 5 gr di lievito in un bicchiere con 100 ml di acqua e il cucchiaino di zucchero ,aggiungetelo alla farina e mescolate ,lavorate bene e formate un piccolo panetto che dovrà lievitare almeno 5 o 6 ore coperto al caldo .

Passaggio 3

Aggiungete le farine nella planetaria ,Quindi riprendete il lievitino ed aggiungetelo al centro versate le patate schiacciate, l'olio il sale ,cominciate a versare l'acqua e azionate la planetaria lavorate per ottenere un'impasto morbido

Passaggio 4

togliete il gancio versate le olive ed amalgamate a mano

Passaggio 5

preparate una ciotola con la farina di semola e una placca con la carta forno

Passaggio 6

prelevate un pò dimpasto ed aiutatevi con la farina formate delle pagnottelle

Passaggio 7

Mettetele sulla carta forno con sotto una spolverata di farina e continuate cosi con tutto l'impasto .

Passaggio 8

fate rilievitare nel forno per 2 ore

Passaggio 9

Infornate a 200 g° per 30 /35 minuti

Passaggio 10

Una volta raffreddate potete mangiarle cosi oppure condite con tonno, capperi e formaggio emmental

Tipo di ricetta: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valutazione Media

(5 / 5)

5 5 3
Vota questa ricetta

3 utenti hanno votato

965

Ricette correlate
  • torta zebrata

    Torta zebrata

  • IMG_0449

    Torta mimosa di Mapy

  • IMG_0473

    Quiche fiore di mimosa

  • IMG_0382

    Torta Madeira Al profumo di arancia glassata con Orange Curd e cioccolato

  • IMG_0335

    Rotolo Arlecchino

Facebook Page

Archivio Recensioni